Iscriviti alla Newsletter!

 

Clika sulla busta qui sotto e compila il form per essere aggiornato sulle mie novità.

Perchè mettersi in cammino?

Camminare è un movimento innato, naturale nell'uomo, non comporta nessun gesto forzato.

Più o meno all'età di un anno tutti noi abbiamo provato ad alzarci sui nostri piedi e a muovere i primi passi. Ci siamo alzati e siamo caduti più e più volte ma ogni volta ci siamo rialzati con una determinazione instancabile senza

preoccuparci se potevamo risultare goffi, senza raccontarci che era troppo difficile e che non ce l'avremo mai fatta. Semplicemente ci siamo alzati fino a che ci siamo riusciti! Il premio è stato grande... finalmente abbiamo potuto spostarci in autonomia, essere liberi di scoprire il mondo attorno a noi e di conoscerci attraverso esso.

 

Questo è il mio primo perché: essere liberi di scoprire il mondo attorno a noi e di conoscerci attraverso esso!

 


Per me camminare rappresenta un grande atto di libertà... libertà di sentire e ascoltare il proprio corpo, libertà di far fluire i pensieri senza esserne fagocitati e "immobilizzati, libertà di vivere le proprie emozioni per poterle osservare e comprenderne il loro messaggio... libertà di conoscere "il mondo" intorno a noi e attraverso esso conoscere noi stessi.

 

Camminare fa bene al corpo (fa bene a muscoli, ossa e articolazioni, fa bene ai vari apparati), alla mente (calma la "mente agitata" ridà vitalità alla "mente depressa") e anche allo spirito (un passo dopo l'altro ti accorgi che esplorando il mondo in lungo e in largo , contemporaneamente stai compiendo lo stesso percorso dentro te stesso).

 

Camminare è un'azione naturale, non servono grandi preparativi per fare "una passeggiata"... camminare è attività fisica, divertimento, condivisione, introspezione, meditazione, contemplazione, gioco, ascolto, scoperta, sfida... camminare può essere tante cose... a seconda di ciò che mi serve posso scegliere "come camminare".

 

Qualche giorno fa mi sono imbattuta in una frase di Tiziano Terzani che diceva "Ciò che è fuori è anche dentro; e ciò che non è dentro non è da nessuna parte. Per questo viaggiare non serve. Se uno non ha niente dentro, non troverà mai niente fuori. È inutile andare a cercare nel mondo quel che non si riesce a trovare dentro di sé.”

 

 

 

Per me non è così…  io non credo sia inutile cercare fuori ciò che non riusciamo a trovare dentro… parto dal presupposto che per me ciò che cerchiamo fuori sia già dentro di noi, solo che non ne siamo ancora  consapevoli. Per qualcuno è più facile partire da dentro per portare fuori, per qualcun altro è più semplice fare il contrario: osservare ciò che è fuori e ritrovarlo dento di sé.

Certo, cercare fuori può diventare una scappatoia, come lo può essere il cercare dentro!

Credo sia semplicemente una questione di “equilibrio” e soprattutto di “sperimentarsi”… ciò che è buono per me non è detto che lo sia anche per te… bisogna imparare ad ascoltarsi e ad ascoltare autenticamente.

 

Camminare aiuta a trovare questo equilibrio, aiuta ad ascoltarsi e ad ascoltare autenticamente.

 

Rallentando osserviamo con nuovi occhi ciò che è “fuori” di noi, come noi interagiamo con il mondo e come stiamo con noi stessi nel mondo... ci avvicineremo passo dopo passo al nostro sé più autentico e scopriremo che tutto ciò di cui abbiamo bisogno è dentro di noi!

 

 

 

 

 

Se hai voglia di sperimentare "il potere del camminare", contattami per il tuo primo COACHING IN CAMMINO gratuito!

 

 

 

 

 

Sarò felice di camminare anche con te!

 

Scrivi commento

Commenti: 0